Fam, Füm e Frècc.....

Iniziata la stagione delle "pelli", con un classico, sia per quanto attiene il percorso, sia per la meteo... Tempo ideale per riscoprire dopo qualche anno di assenza, le meraviglie di Rothwald

Rothwald oltre ad essere rinomata per le sue acque minerali che da secoli si infiltrano  e sgorgano nei possenti strati rocciosi del Sempione, ma pure per le innumerevoli gite  attraverso un fitto bosco di larici che sovrasta tuta la regione del passo, è pure d'inverno una meta molto ambita da chi ama la pratica dello sci

 

Agganciati gli sci ed imboccata la una bella stradina ricoperta da un buon 20 cm di polvere bianca, si parte in direzione di Wasenalp, il quale con la sua vista sul rodano, sulla regione del Sempione e dell'ormai famosissimo patrimonio dell'Unesco Jungfrau-Aletsch, rende questo incantevole posticino sperduto a ridosso del confine con l'Italia, un gioiellino delle nostre alpi svizzere

Si risale la montagna sotto una bella nevicata, non fastidiosa, anzi la benvenuta vista la magra degli ultimi anni, davanti con un passo bello deciso ed a far traccia un Cinghio bello in forma ed io che seguo meravigliandomi di come spingo senza faticare più di tanto

si prosegue sino a raggiungere la meta di giornata: il ristorantino Mäderlicka situato a ridosso del primo ski-lift. 

Una volta raggiunta la cima, tolte le pelli e posizionato l'attacchino in modalità discesa è giunta l'ora del divertimento. Si scende percorrendo le piste del piccolo comprensorio non ancora battute per l'imminente apertura stagionale. Non si poteva chieder di meglio.... una fantastica discesa su gobbe come era da tanto tempo che ci capitava... alla fine come sempre... buona la prima....

Commenti: 3
  • #3

    Erni (domenica, 17 dicembre 2017 18:30)

    Un gradito ritorno in compagnia di un grande amico

  • #2

    Filippo (domenica, 17 dicembre 2017 14:06)

    Bravo Nik

  • #1

    Paolo (domenica, 17 dicembre 2017 13:43)

    bravi. bella passeggiata